Pages Menu
Categories Menu

Scritto on 1 Mar 2017 in Marathon | 0 commenti

Gazzetta: Sasso vuole il record a Barcellona

Gazzetta: Sasso vuole il record a Barcellona

afumi su Gazzetta.it annuncia la prossima impersa di Gianni Sasso.

A Rio 2016, Gianni Sasso ha preso parte ad un evento storico: la prima volta della multidisciplina alle Paralimpiadi. E siccome l’ischitano ha dimestichezza con gli appuntamenti che lasciano il segno, ha deciso di dare appuntamento al 12 marzo per una giornata da record. Alla maratona di Barcellona, l’azzurro del paratriathlon cercherà di battere il primato del mondo dei 42 km, record che già gli appartiene ma è datato 2012.

PROVA ESTREMA
“Dopo l’emozionante esperienza olimpica di Rio 2016 nel paratriathlon, ho deciso di tornare alla prova estrema di una maratona con una sola gamba e l’aiuto delle mie stampelle – ha detto Sasso che ha corso la Mezza di Napoli come test verso la maratona –. Ho già stimolato l’attenzione di tanti supporter, primo fra tutti il Presidente del Cip Luca Pancalli che mi ha inviato una bella lettera per esprimere il suo sostegno a questa mia iniziativa”. “A Rio ero rimasto piacevolmente sorpreso dal suo entusiasmo entusiasmo e dalla tua capacità di essere positivo e propositivo in ogni attività e ora è alle prese con un nuovo obiettivo che, come tutti quelli che si è posto nella vita, risulta assolutamente grandioso – fa Pancalli – Come ama ripetere Sasso, dove c’è una grande volontà non possono esserci gradi difficoltà: per questo spirito così contagioso e positivo, auguro al nostro atleta multisportivo di poter portare ancora alta la bandiera dello sport italiano”.

QUINTA MARATONA 
Per Sasso, nato ad Ischia l’8 novembre 1969, la gara catalana rappresenta il quinto appuntamento con la 42 km. Dopo aver perso la gamba sinistra a 16 anni in un’incidente stradale, non ha abbandonato la passione sportiva: oltre ad essere triatleta paralimpico, gioca nella nazionale di calcio amputati ma proprio nella maratona ha ottenuto i risultati di maggior rilievo. Nel 2008 il debutto a New York, poi le apparizioni a Chicago 2009, Berlino 2010, fino ad arrivare ad Amsterdam 2012, gara in cui ha ha fissato il nuoto record del mondo a 4h28’38”. Ma ora è tempo di guardare al futuro per Gianni Sasso: tra due settimane, a Barcellona, potrebbe riscrivere la storia di questa disciplina.

running.gazzetta.it