Pages Menu
Categories Menu

Scritto on 5 Ott 2016 in Altro, In evidenza | 0 commenti

La scuola di Forio festeggia Sasso!

La scuola di Forio festeggia Sasso!

Nella giornata di oggi Gianni Sasso ha incontrato i ragazzi delle scuole Elementari e Medie del Comune di Forio. Un evento incredibile che ha commosso il campione isolano travolto dall’amore di oltre 500 ragazzi!

“UNA GIORNATA CON GIANNI” questo il titolo della giornata, un incontro tra la scuola secondaria di primo grado dell’istituto Comprensivo di Forio e l’atleta Foriano.
La manifestazione si è svolta a partire dalle 9.00 presso il campetto di basket del plesso Balsofiore.

scuola_forio_seduto_bambiniL’intero istituto e il corpo insegnanti al completo ha raggiunto il plesso sfilando in corteo, portando simboli e colori legati alle paralimpiadi e ai temi della diversità. Durante l’incontro guidato dal Dirigente Scolastico dott.ssa Maria Chiara Conti e dal moderatore Direttore artistico maestro Gaetano Maschio, gli oltre 500 ragazzi hanno realizzato momenti di intrattenimento e al termine dei quali hanno intervistato Gianni sui temi della difficile preparazione e la grande avventura di Rio.
L’incontro è terminato con la consegna a Gianni di alcuni piccoli doni realizzati dai ragazzi.

Interessante sottolineare che i ragazzi e la scuola hanno bloccato per una settimana tutte le attività per occuparsi della comprensione dell’importanza della giornata. Temi importanti quali lo spirito di sacrificio, l’abnegazione, la volontà e la capacità di mettere tutte le proprie forze mentali e fisiche in campo per ottenere qualcosa di più grande.

Queste le parole di Gianni al termine dell’evento
Dovrei scrivere tante cose e dire tanti grazie ma davvero non ci riesco. Sono state scattate tantissime foto: ci trovere solo sorrisi, quelli degli orgnaizzatori e sopratutto quelli di questi spledindi ragazzi. E ci troverete lacrime di commozione: le mie! Ho vinto gare, battuto record, conquistato medaglie: MAI una cosa così bella! Grazie a chi lo ha permesso. Si vive anche e sopratutto, per queste emozioni“.