Pages Menu
Categories Menu

Scritto on 8 Giu 2014 in Calcio, In evidenza | 0 commenti

Sasso e la Nazionale Amputati dal Papa

Sasso e la Nazionale Amputati dal Papa

Grande emozione per Gianni Sasso che, insieme alla Nazionale Calcio Amputati, è stata a Piazza S.Pietro a Roma per festeggiare i 70 anni del CSI. La squadra ha abbracciato il Papa eleggendolo nuovo capitano!

papa10Ci sono campioni, nel mondo dello sport a cui la vita ha tolto una gamba e che – di fronte ad una strada diventata improvvisamente in salita – hanno trovato il coraggio di continuare a correre dietro ad un pallone.

“Mi chiamo anche io Francesco – Santità –, sono nato senza una gamba ma ho sempre desiderato giocare a Calcio. Purtroppo nessuno mi dava questa possibilità, finché il CSI ha cambiato le regole, tesserandomi e permettendomi di giocare con normodotati”. Sono state queste le parole che Francesco Messori, il giovane capitano della Nazionale Calcio Amputati di cui Gianni è leader e goleador indiscusso.

La Nazionale Calcio Amputati è una realtà recente, nata dalla passione e dal coraggio dei suoi giocatori e sostenitori. In breve tempo, cresciuta l’attenzione e le adesioni per questa particolare esperienza sportiva, è nata la Nazionale Italiana di Calcio Amputati, oggi allenata dall’emiliano Renzo Vergnani e dal siciliano Paolo Zarzana. I due mister – professionalmente qualificati ma soprattutto capaci di infondere tra gli atleti l’entusiasmo e la passione per lo sport – hanno accompagnato la Nazionale Amputati ai primi appuntamenti calcistici internazionali, con la Francia e prossimamente con la Germania, e forse in Messico per i Mondiali.

“Mettervi in gioco nella vita come nello sport. Mettervi in gioco nella ricerca del bene, nella Chiesa e nella società, senza paura, con coraggio ed entusiasmo. Mettervi in gioco con gli altri e con Dio; non accontentarsi di un «pareggio» mediocre, dare il meglio di sé stessi, spendendo la vita per ciò che davvero vale e che dura per sempre. Non accontentarsi di queste vite tiepide, vite «mediocremente pareggiate»: no, no! Andare avanti, cercando la vittoria sempre!” ha così salutato la Nazionale il nuovo capitano…Papa Francesco!